Il blog dell'Affresco | TUTTI I SEGRETI DELL’ULTIMA CENA
104
single,single-post,postid-104,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.1.2,it

TUTTI I SEGRETI DELL’ULTIMA CENA

Un affresco dell'Ultima Cena realizzato da Mariani Affreschi

08 ott TUTTI I SEGRETI DELL’ULTIMA CENA

Alzi la mano chi non conosce l’opera raffigurata nell’immagine? Che fosse uno dei pezzi più rinomati dell’arte di tutti i tempi era cosa già nota. Poi (purtroppo o per fortuna) il bestseller di Dan Brown l’ha fatta diventare una star. Quel che è certo è che ci troviamo di fronte a un’opera geniale il cui autore originale è nientemeno che Leonardo Da Vinci.
L'ultima cena realizzata da un'artista di Mariani Affreschi esposta ad Abitare Il Tempo 2009

"L'ultima cena" realizzata da un'artista di Mariani Affreschi esposta ad Abitare Il Tempo 2009

“L’Ultima Cena – spiega Laura Mariani – è richiesta da clienti di tutte le estrazioni sociali e culturali ed è una delle nostre riproduzioni più vendute da sempre. L’abbiamo realizzata in misure fino anche a 4m x 8, destinate sia a locali pubblici che case private in Italia e all’estero. Per qualcuno può sembrare azzardato mettere in casa propria un quadro così, ma forse proprio perchè è un’opera che tutto il mondo conosce la sentiamo un po’ nostra e in fondo la amiamo”.

L’artista che ha realizzato l’opera esposta dalla Mariani Affreschi ad “Abitare il Tempo” di Verona, ci racconta la sua esperienza.
Qual è la bellezza dell’Ultima Cena?
Oltre ai dettagli del viso, quello che coinvolge di più è l’equilibrio delle dimensioni, lo schema geniale creato da Leonardo per realizzare l’opera. Poi c’è tutto il mistero della simbologia: il dito di Tommaso, il coltello di San Pietro…
Che difficoltà hai riscontrato nel riprodurla?
L’aspetto più difficile è riprodurre la posizione “estrema” delle figure: le torsioni del collo, delle braccia, tutti aspetti che il Maestro amava molto e che dimostrano la sua conoscenza, non solo dell’arte, ma di tutte le scienze tra cui l’anatomia.
Quante volte ti sei trovato a reintrepretare questo pezzo e cosa ti è rimasto?
L’ho fatta più di trenta volte e l’aspetto affascinante è che a ogni esecuzione trovi qualcosa di nuovo.
M.Z.
1Comment
  • ROBERTOt
    Posted at 09:55h, 10 ottobre

    bellissimo fantastico

Post A Comment