Il blog dell'Affresco | VERO O FALSO? IL VALORE DELL’AUTENTICITA’ (PARTE SECONDA)
319
single,single-post,postid-319,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.1.2,it

VERO O FALSO? IL VALORE DELL’AUTENTICITA’ (PARTE SECONDA)

04 dic VERO O FALSO? IL VALORE DELL’AUTENTICITA’ (PARTE SECONDA)

Continua la nostra riflessione sul valore dell’autenticità nella creazione artistica. Nell’ultimo articolo dedicato a questo tema, parlando con Laura Mariani, titolare insieme ad Alberto e Alessandro di Mariani Affreschi, avevamo provato a considerare l’importanza dell’espressione artistica che ogni interprete può dare a un’opera.
Oggi ci occupiamo di uno dei pezzi più famosi e amati della storia dell’arte mondiale, vale a dire il mitico “Bacio” di Gustave Klimt. Il bacio Il bacio è un dipinto ad olio su tela (di cm 180 x 180) realizzato nel 1907-08 dal pittore austriaco. Quest’opera, in pieno accordo con i canoni dello stile Liberty, è dipinta con decorazioni e mosaici (Klimt aveva un debole per i mosaici di Ravenna) in color oro sullo sfondo.
Gustav Klimt, "Il Bacio", dipinto a olio su tela

Gustav Klimt, "Il Bacio" - olio su tela

L’uomo, in piedi, si piega per baciare la donna che sta inginocchiata sul ‘prato’ tra i fiori. Lei sembra accettare il bacio, partecipando emotivamente. Solo la faccia e le braccia dei personaggi sono realistiche, il resto del quadro è formato da tinte piatte e volumi geometrici accostati. Il viso della donna stretto fra le mani dell’uomo, il quale ha il braccio della femmina sul collo. La coppia è contornata da un ovale. Nella parte d’oro che ricopre l’uomo vi sono figure rettangolari e in bianco e nero, mentre la donna sembra essere punteggiata con mazzi di fiori ed è caratterizzata da forme rotondeggianti e prive di ogni possibile spigolo. Oltre ad avere un forte connotato simbolico, il dipinto spicca per la sua bellezza e armonia e ci regala emozioni molto intense.
Sulla destra un'interpretazione de "Il Bacio" di Klimt realizzato da un'artista di Mariani Affreschi

On the right, an interpretation of Klimt’s “The Kiss” painted by an artist at Mariani Affreschi

Per indagare il concetto di riproduzione dell’opera mi sono affidata all’artista che realizza questo pezzo per Mariani Affreschi.
Come si interpreta un dipinto così famoso?
Io mi affido sempre all’opera originale per prendere il maggior spunto possibile. E’ un pezzo molto affascinante che, come tutti quelli di Klimt, rappresenta simbolicamente fasi e momenti della vita, temi universali in cui tutti si possono riconoscere e credo sia anche questo il motivo del suo successo.
E tecnicamente come lo affronti?
Per riuscire a interpretare nel modo giusto un dipinto di questo tipo è importante fare un discorso sulla tecnica. L’affresco è diverso dal dipinto a olio, si tratta di una tecnica particolare perché si interagisce con l’acqua e la terra e quindi bisogna essere molto concentrati a cogliere l’attimo per ottenere una resa il più possibile fedele all’originale.

Uno splendido affresco de Il Bacio di Klimt realizzato da un'artista di Mariani Affreschi

Uno splendido affresco de Il Bacio di Klimt realizzato da un

Per questo motivo nella resa finale dell’affresco ci possono essere delle differenze, che però non tolgono nulla perché sono l’espressione dell’artista che realizza l’opera in quel determinato momento e quindi, a loro volta, autentiche.
M.Z.
No Comments

Post A Comment